lunedì 26 luglio 2021

Notiziario campagnuolo

Ecco cosa succede a distrarsi quando si mangia lo sneckino coi salatini con le lettere dell'alfabeto:

Un arbusto delle more voleva crescere lato strada, ma gli ho messo il guinzaglio obbligandolo alla direzione opposta:

Intanto, crescono i kaki:

E pure le arance:


E pure i pompelmi tipo A ("asciutti"):

E pure i pompelmi tipo B ("buoni" - varietà "portoghese"):



sabato 24 luglio 2021

Come godo!! Cratoni power in my hands! (anzi, on my head)

Prestigiosamente professionale casco Cratoni C-Maniac, così se casco c'ho il casco.

Valgono sempre le solite indicazioni:

  1. attenzione alla taglia a non prenderlo troppo piccolo! (e non tutte le taglie sono disponibili in ogni colorazione); in caso di dubbi, andare in un negozio fisico a provarsene uno; meglio spendere di più per uno che calza bene, piuttosto che uno che non è proprio comodissimo;
  2. attenzione al peso! (questo modello, in versione L/XL, pesa 474 grammi; tanto non devo mica farci i mega-tour in moto sull'autostrada)
  3. attenzione alle cineserie! (a quando "CE" significa "China Export" anziché "Certificazione Europea")
  4. attenzione a come si apre e chiude! (non basta che siano sicure, devono essere anche facili da aprire e chiudere; questo nella foto ha una fibbietta a denti che si può aprire e chiudere anche con una sola mano)
  5. attenzione alla possibilità di usarlo d'estate (per questo l'ho preso aperto) e di usare gli occhiali da sole o da vista (i caschi con la visiera anti-UV son tanto belli ma certe volte...).

 Cratoni - the need for speed.

venerdì 23 luglio 2021

Come godo!! Activeon power in my hands!!

Prestigioso e signorile selfie-stick Activeon che va a sostituire il glorioso selfisticco artigianale, che dopo numerosi chilometri e video è pronto ad andare in pensione.


 Caratteristiche tecniche del primo rispetto al secondo:

  • 13cm più lungo (90cm contro 77cm, misurati dalla base dell'impugnatura alla vite per la videocamera; la distanza effettiva dalla mano è 80cm);
  • 33 grammi più pesante (127 grammi contro 94 grammi);
  • manopola imbottita di spugna nera (che suppongo non durerà più di un'estate) anziché in gomma puzzolente semirigida;
  • telescopico ma con maggior spessore dei cilindri - regge tranquillamente i 42 grammi della videocamera Mobius 2 mantenendo rigidità strutturale anche a fronte di accelerazioni improvvise e non banali (dichiara di sostenere 500 grammi di peso all'estremità ma non ci credo proprio, forse solo il primo giorno da nuova);
  • i quattro cilindri concentrici si stringono in modo indipendente, cioè si può usare anche a lunghezze inferiori alla massima;
  • testina snodabile (quanto basta per far "sparire" l'asta dal campo visivo della videocamera) ed eliminabile per far posto ad una GoPro (che però pesando dai 115 ai 159 grammi a seconda dei modelli, metterà a durissima prova la rigidità strutturale);
  • laccetto da polso, ed elegante scritta ActiveOn che fanno sembrare il tutto una cosa pregevolmente professionale.

Nella configurazione attuale, in versione "chiusa ma con telecamera già serrata" occupa verticalmente 32cm, e 6-7cm lateralmente, grosso modo "tascabile" con qualche intoppo. Non vedo l'ora di provarlo. Intanto, breve excursus con volo pindarico qui sotto.

Come scegliere un selfie stick:

  1. superare brillantemente l'esame di Fisica 1 con particolare riguardo per le conoscenze dei concetti di forza, accelerazione, impulso, accelerazione tangenziale, quantità di moto, accelerazione centrifuga, attrito, moto del proiettile. Molto utile anche un pochino di geometria (angoli, similitudine di triangoli, proiezioni, tronchi di cono). Saranno indispensabili per evitare sorpresacce, incidenti, e video girati una ciofeca;
  2. il peso della videocamera è critico: meno grammi è e meglio sarà;
  3. la forma della videocamera è critica: muovere uno stick che in fondo ha un aggeggino piccolino è molto meglio che agitare uno stick con in fondo un cellulare da 6 pollici o una Hero da 159 grammi (il form factor è uno dei motivi per cui da oltre dieci anni ancora non mi son deciso a comprare una GoPro);
  4. la stabilità strutturale del selfie stick è critica: se muovendo lo stick si deforma (anche di poco), i video verranno più mossi; il mio vecchio selfisticco aveva dei cilindretti dai 6 agli 11mm di diametro e anche incastrandolo alla perfezione si deformava di parecchi millimetri anche solo sotto la forza di gravità, per questo ho scartato tutti gli stick che gli somigliavano;
  5. controllare l'aggancio! la maggior parte dei selfie stick in circolazione ha solo l'aggancio per le GoPro (e visto il peso delle GoPro, quando costano meno di 30€ significa che probabilmente sono una ciofeca di stick), altre hanno solo la vite, con l'adattatore cellulare (o GoPro) che si compra a parte (una decina di euro!);
  6. non c'è una lunghezza ideale, bisogna provare con un manico di scopa e vedere quanta lunghezza serve (dipenderà dall'ampiezza dell'angolo della lente della videocamera) e aggiungere almeno una quindicina di centimetri; agganciata la videocamera in modo che lo stick sia un soffio fuori dal suo campo visivo significa avere sempre un'idea abbastanza precisa di cosa sta riprendendo l'obiettivo;
  7. occhio che alcuni stick si serrano solo alla lunghezza massima, non possono essere usati a lunghezze intermedie. Occhio che alla lunghezza massima lo stick è sotto stress maggiore rispetto a una lunghezza intermedia (per esempio impostata a due terzi o tre quarti);
  8. occhio al peso! Fare hiking in montagna con mezzo chilo in più nello zaino affardellato fa rimpiangere di non aver sostituito lo stick con uno più corto e leggero e un mezzo litro d'acqua in più.

Come scegliere una action camera:

  1. deve essere Full HD 60 fps. Inutile avere più risoluzione (2.7k, 4k...) se non è capace di farci anche lì almeno i 60 fps. I 60 fps sono quanto basta per avere un video fluido e gradevole. Inoltre la differenza fra Full HD ("2k") rispetto a risoluzioni più alte (2.7k, 4k...) si nota solo quando il video è riprodotto su un display di almeno 30-40 pollici; per pubblicare su piattaforme video come Youtube (cioè fruiti quasi esclusivamente da computer, tablet, cellulari) è inutile avere risoluzioni più alte del Full HD (1920x1080) o frame-rate superiori ai 60 al secondo, è inutile sprecare il doppio dei gigabyte per avere una presunta qualità che nessuno noterà mai. Stampatevelo bene in testa: Full HD 1920x1080 a 60 fps;
  2. la differenza fra 30fps e 60fps si vede, specialmente con riprese in movimento. Non fidatevi del Full HD/30, non fidatevi del 4k/30 (e ancor meno del 4k/24), non fidatevi del 2.7k/30, ecc.
  3. le videocamere 360° sono simpatiche ma richiedono tutto un faticoso lavoro di postproduzione (scelta angoli, scelta zoom, ecc.) prima di pubblicare il video, lavorone che prima o poi ci si stufa di fare; inoltre ai bordi della lente l'immagine viene una ciofeca (per cui tanti video girati in 360°, dopo la "lavorazione" appaiono "quadrettati" e "disturbati", perché l'autore mentre girava il video non aveva saputo tenere l'obiettivo puntato sul soggetto giusto);
  4. la "stabilizzazione immagine" fatta dal software della fotocamera è una ciofeca (e consuma un sacco di batteria); è buona solo quella hardware (che riallinea in tempo reale le lenti,  come sulle fotocamere di fascia medio-alta, come forse sui modelli GoPro di punta); fatta in postproduzione sul PC pure è un po' una ciofeca (si mangia i dettagli, fa sembrare più mosse le inquadrature) ed è lentissima (quante ore di processing vi servono prima di cominciare a mandare il video a Youtube?);
  5. più è ampio il grandangolo della fotocamera e più sembrerà "panoramica" e "stabile" l'inquadratura (la fortuna delle GoPro è sempre stata il grandangolone di serie; ora non sanno più cosa inventarsi per i nuovi modelli, e aumentano la risoluzione e parlano di "nuovo innovativo sistema di stabilizzazione livello 5763 super mega altissimo", ma da anni non c'è nessuna vera rivoluzione in corso);
  6. le videocamere che fanno 120 o addirittura 240 fps hanno senso solo per fare qualche breve momento al rallentatore in piena luce giorno (sì, il concetto è che giri tutto il video a 240 fps e poi in postproduzione lo converti a 60 - buttando via tre quarti dei frame video - tranne quei pochi istanti "rallentati" da 240 a 60). Per girare a 120 o 240 occorre una enorme quantità di luce (perché un frame di 1/240esimo di secondo dura ovviamente un quarto di uno da 1/60esimo di secondo). Non è detto che valga la pena spendere quei soldi in più.

Come farsi i video:

  1. non metteteci la faccia: siete brutti! inquadrate ciò che merita di essere visto: panorami, azione/velocità, curiosità, ecc., della faccia vostra non frega niente a nessuno, siete elementi di disturbo nel video!
  2. non inquadratevi la faccia: fate cagare! e parlate il meno possibile (anzi, non parlate mai) perché un'immagine val più di mille parole! se volessi ascoltare i vostri sermoni, vi telefonerei!
  3. non inquadrate dettagli cretini (il selfie stick, la vostra faccia, la munnezza in giro, uno scorcio o paesaggio che non c'entra niente, qualsiasi cosa che distrae dal tema principale...), quando vedo queste cagate chiudo subito il tab Youtube e vado al prossimo video, senza pietà!
  4. il soggetto deve essere sempre illuminatissimo (altrimenti la videocamera non ce la fa a tirar fuori un frame decente in 1/60 di secondo e vien tutto "sporco", "oscuro", "rumoroso"); badate anche ai rumori di fondo (musica, rumori di fondo, distrazioni varie, passanti che imprecano contro il governo...);
  5. non mettete titoli di testa, sigla iniziale, titoli di coda, sigla finale e altre robe che fanno letteralmente cagare! Non state mica producendo un kolossal blockbuster supermegasceneggiato dell'anno in prima serata a reti unificate!
  6. non fate i poveracci accattoni bramosi avidissimi di Like e Subscribe! Lascio sempre un "dislike" a chiunque chieda il Like o Subscribe e vedo che moltissimi altri fanno altrettanto;
  7. regola dei 10 secondi: se entro i primi 10 secondi non si capisce dove va a parare il video, significa che il video fa proprio cagareSpecialmente i video che "presentano" qualcosa da costruire, da provare, da osservare;
  8. regola dei Miei Personalissimi Dieci Secondi: ho una lista enorme di video da guardare che però non guardo mai perché durano interi minuti. Perché dovrei sprecare interi minuti della mia vita per qualcosa che potevano dirmi in 10 secondi? Perché per presentare un argomento, un cretino invece di scrivere tre righe su una pagina blog pubblica un video lungo diversi minuti o addirittura tre quarti d'ora che si condensavano in 3 righe di blog?

martedì 20 luglio 2021

Come godo!! Lemfo Lem 5 Pro in my hands! (anzi, on my wrist)

Lo scorso 29 giugno ho comprato al supermodico prezzo di 20€ usato un arcipotente orologio full Android Lemfo LEM 5 Pro:

 
Avevo sempre snobbato gli smartwatch ma stavolta avevo un use case spettacolare: utilizzare l'app EUC World per quando vado in giro in monoruota senza dover tirar fuori il cellulare durante la guida. I dati fondamentali del monoruota sono la percentuale di carica residua e temperatura della board controller, e in secondo luogo il chilometraggio percorso; la velocità è un simpatico orpello ma non è che sia così indispensabile sapere se si è a 29 o a 34 km/h:

La batteria del Lemfo è un po' misera ma sufficiente per un giretto di tre ore a display sempre acceso (app EUC World sempre in foreground). Lo schermo da 1,39" ha risoluzione 400x400 ma la parte visibile è solo quella circolare (0,125 megapixel su 0,16), per cui le app progettate in modo "rettangolare" risulteranno... "tagliate" negli angoli:


A bordo ha un Android 5.1 Lollipop (patch level 2015-11-01, kernel Linux 3.10.72), ovviamente non più aggiornabile (il sito fota5t.xxx.com non esiste più). Il chipset è un vecchissimo MT6580M (ARMv7 rev3) con 2 Gb RAM. Nelle funzionalità ci sono anche telefono (con lo slot per una SIM), wifi, bluetooth (anche BLE, indispensabile per EUC World), GPS (ricezione un po' ciofeca). Le app di serie sono per telefonare e messaggi SMS, più quelle per contapassi e battito cardiaco, più il Google Play Store:


È un grosso bestione (50mm di diametro esclusi i tastini, 13mm di altezza escluso il nido di ricarica, 89 grammi di peso incluso il cinturino) ma fa il suo porco dovere durante le uscite col monoruota. Ho provato un launcher diverso ma l'Universal Launcher è addirittura più complicato di quello di default. Ho installato un tema orologio diverso perché mi piace il colore e mi piace avere a video anche la percentuale di batteria residua:


Eccolo sottosopra accanto al "nido" di ricarica (secondo me il connettore micro-USB  poteva essere integrato nell'orologio senza bisogno del nido, che è vuoto e contiene solo i fili dal jack USB ai quattro pogo-pin):



giovedì 15 luglio 2021

domenica 4 luglio 2021

Varie dal mondo monoruotistico

Controllo pressione:


No monoruota? Ahi ahi ahi! Deve portarsi a mano (anzi, a due mani) l'aggeggio grosso, ingombrante e pesante lato binari e sugli scalini (laddove per il sottoscritto era come portare una valigia):

I selfie stick in commercio sono tutti uguali (alluminio, telescopici, ballonzolanti), per cui tanto vale riparare il glorioso selfisticco  artigianale, dremelando un buco per "cucire" con del fil di ferro due sezioni che avevano perso il fermo interno e si staccavano solo a guardarle:

Oh, no! l'abbronzatura del monoruotista™: causa polsiere, si sono abbronzati solo i pollici...


E io che mi lamentavo che il faro anteriore era un po' loffio: era solo il "vetro" opaco. Dopo una rapida passata di alcool isopropilico, è tornato come nuovo:

Finalmente pulito!


sabato 3 luglio 2021

Termoscansioni del monowheel dopo qualche giretto di decine di chilometri

 Il motore è interno alla ruota, era sui 38°C:



Lo pneumatico arriva a 50°C:



L'alimentatore a regime supera i 53°C:


Alimentatore visto da sotto:




La board del controller, sopra i 52°C:


venerdì 2 luglio 2021

Eventuali & varie

 




Spassoso Lemfo Lem 5 Pro collaudato con EUC World; in background: Pipo X8 con Android su processore Intel:


Condanna a morte mediante sedia elettrica:


Immagine di repertorio: pisolino pomeridiano:


giovedì 1 luglio 2021

Varie di inizio luglio

 


Bottino di oggi: albicocche, fichi, rose:

Origano in fiore:

Riempimento bidoni d'acqua al di là del muro:

Limoni caduti anzitempo:


lunedì 28 giugno 2021

Varie

Primi pompelmi 2021-2022: già tre centimetri di diametro:

La gatta Lulù sabato scorso ha partorito ma ancora non mi ha presentato nessun micetto:

Foglie ancora bagnate dalla pioggia:

Tragicomico incidente commerciale al cimitero: qualcuno deve aver sbagliato la data del funerale, perché fiori e corone sono stati consegnati mentre era chiuso. Dopo aver depositato la merce, il fioraio se n'è andato di corsa a emettere fattura:


Traiettoria sballata del cretino in fat bike che ha tagliato la curva finendomi quasi addosso. Motivazione: la fat bike non ha torque (può avere velocità ma ha scarsa coppia), per cui in una curva a gomito in salita il cretino non ha rallentato né tenuto la destra (per paura di dover pedalare sodo per riprendere velocità dopo la curva):